“E’ la dieta la mia droga”: quando il regime fai-da-te danneggia il metabolismo e produce dipendenza

Articolo di Elisa Elena, Stampa, Torino, 6/6/2010

Dieting: quando la dieta e’ una droga e la vita ruota attorno alla dose quotidiana di rinuncia. Accade a molti, a donne e adolescenti soprattutto, che dopo mesi di sacrifici sono dimagrite con il fai da te. Poi hanno riacquistato peso e cosi’ hanno ricominciato a non mangiare. Un tira e molla che ha spalancato loro le porte dei disturbi alimentari. E della dipendenza. Che parte dalla volonta’, apparentemente innocua, di perdere un paio di chili e finisce con la necessita’ di infliggersi un regime calorico costantemente ridotto. Percio’ si vive rifiutando inviti a cena, comprando soltanto “light”, contando calorie, trascorrendo intere giornate a bollire intrugli e a bere pozioni depuranti. Un’esistenza complicata e pericolosa, fatta di rigore durante i pasti e di controllo fuori. E poi di scarsa nutrizione, basse difese immunitarie e di fame. Il momento delle grandi abbuffate arriva inevitabilmente. Con loro, il senso di colpa: cosi’ si continua a sforare, si riacquista peso e il gioco e’ fatto. Si ricomincia la dieta. Un comportamento micidiale dal nome spiritoso: «effetto yo-yo» che ha ripercussioni sul fisico e, si e’ scoperto, anche sulla mente: crea dipendenza. A verificarlo due ricercatori italiani, emigrati in America, ora professori alla Boston University, Valentina Sabina e Pietro Cottone. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica “Pnas” . “L’affamarsi e’ contro natura – dice  Giovanna Cecchetto, presidente dell’Andid, associazione nazionale dietisti – rigide restrizioni, adottate per dimagrire in poco tempo, alterano il metabolismo che rallenta e smette di bruciare grassi. La conclusione, paradossale, e’ l’incapacita’ di perdere peso”. Percio’ il corpo ingrassa solo a buttar giu’ una foglia d’insalata e il pensiero, complice, non da’ tregua: rimanda immagini – e fa sentire la voglia irrefrenabile – di torte al cioccolato e tagliatelle al ragu’. “Siamo fatti cosi’, e’ una questione biologica – continua il presidente dell’associazione – diete prolungate annullano il senso di fame. E se il nostro organismo e’ stato a regime troppo a lungo sente la spinta incontrollata verso il cibo”. Una reazione alla fame dal sapore di vendetta. Un fatto naturale che accomuna uomini e animali. I ricercatori hanno scoperto che nel cervello dei topolini di laboratorio, l’alternanza di abbuffate e digiuni genera lo stesso meccanismo indotto da cicli di astinenza e di intossicazione da droghe. E’ cio’ che accade negli esseri umani: dopo un periodo di dieta si sente il bisogno di uno strappo alla regola, meglio se con il piatto preferito, un cibo goloso, «proibito». L’organismo, tenuto a stecchetto, trattiene il nutrimento – grassi e zuccheri compresi – per il timore di restare a digiuno. Ma non si accontenta, ne vuole di piu’ e, come il drogato in crisi di astinenza, la mente riaccende la voglia. “Le diete scopiazzate dalle riviste, quelle chieste in prestito alle amiche e prese da Internet – dice Laura Bellodi, direttrice del Centro per lo studio e il trattamento dei disturbi alimentari del San Raffaele a Milano – sono spesso l’origine di anoressia, bulimia e obesita’. Rendere consapevoli le persone che i centri che governano i nostri istinti primari, come la fame, sono primitivi e non rispettano i nostri desideri di pianificazione, selezione e organizzazione, puo’ servire a far comprendere, forse, che e’ inutile incaponirsi: la natura e’ piu’ forte di qualsiasi nostra volonta’”.

________________________________________________________

Annunci

I commenti sono chiusi.